semidisperanza.info logo
« < >

LA FORZA
DELLE
IMMAGINI


Ci sono fenomeni che per la loro natura non possono essere svelati dalla fotografia in quanto non offrono una corrispondenza fisica tra il termine che li definisce e la loro manifestazione empirica. Ça-a-eté, il noto norma barthesiano non può quindi essere soddisfatto in questi casi. Ovvero non è possibile fotografare qualcosa che non si trovi davanti all’obiettivo della fotocamera. Questo limite viene superato ricorrendo a un linguaggio simbolico cosa che, in ambito documentario, si traduce nel registrare le conseguenze prodotte dall’oggetto della narrazione. È il caso di fenomeni come i cambiamenti climatici. Quello che l’obiettivo può fissare sono gli effetti che derivano da questi fenomeni a lungo termine di rivoluzione delle temperature e dei modelli meteorologici. Il giornalista di penna, il narratore più in generale, se mette da parte la deontologia professionale, può anche rifarsi a testimonianze raccolte a distanza dai luoghi in cui si svolgono gli eventi. Al fotografo invece non è dato questo privilegio. Il fotografo è costretto dalla natura stessa del suo lavoro ad andare sul posto e, forse, anche da questo deriva il coinvolgimento dello spettatore al momento di confrontarsi con le immagini.
La fotografia ferma l’istante e lo cristallizza offrendolo allo sguardo e regalandogli il tempo dell’osservazione e dell’attenzione strappata all’indifferenza. È un potere quasi magico fatto di un’immediatezza figlia della sintesi, un potere che da quasi duecento anni continua a essere esercitato, nonostante il progresso ci abbia regalato ben più sofisticati mezzi di comunicazione.
Gli anni vissuti nell’incubo della pandemia hanno però bloccato un mondo ormai avvezzo alla facilità degli spostamenti intercontinentali. Si è creato quindi un ostacolo insormontabile alla documentazione degli effetti dei cambiamenti climatici e del lavoro fatto per ridurne i devastanti effetti laddove questi incidono in modo più evidente. Questo è accaduto anche nel caso del Myanmar, paese estremamente vulnerabile rispetto ai cambiamenti climatici tanto da essere classificato al secondo posto, nel Global Climate Risk Index, al quarto in termini di esposizione ai rischi naturali e al dodicesimo nell’Index of Risk Management (INFORM).
Questa limitazione al movimento, resa cogente dal sovrapporsi di altre problematiche, ha impedito di effettuare una documentazione sul campo dei progetti portati avanti da CESVI in Myanmar, dove pur continuando gli operatori già presenti in loco a lavorare per il miglioramento delle condizioni di vita e produzione agro alimentare nella Dry Zone, non è stato possibile inviare un fotografo a comprovarne l’azione. A fronte dell’importanza del lavoro svolto si è comunque deciso di ricorrere alla potenza evocativa della fotografia per accendere una luce sul lavoro svolto da CESVI in Myanmar. Queste immagini infatti sono state scattate nella Dry Zone, dove CESVI tuttora opera, durante missioni precedenti, ma consentono di comprendere l’importanza del lavoro svolto da CESVI per garantire il miglior utilizzo delle risorse nonostante le condizioni rese sempre meno favorevoli dai cambiamenti climatici.

Sandro Iovine






THE
POWER
OF IMAGES


There are phenomena that by their nature cannot be revealed by photography as they do not offer a physical correspondence between the term defining them and their empirical manifestation. Ça-a-eté, the well-known Barthesian norm, cannot be fulfilled in such cases. That is, it is not possible to photograph something that is not in front of the camera lens. This limitation is overcome by resorting to a symbolic language which, in the documentary sphere, translates into recording the consequences produced by the object of narration. This is the case with phenomena such as climate change. What the lens can fix is the effects of these long-term phenomena of revolutionizing temperatures and weather patterns. The journalist, the storyteller more generally, if he or she sets aside professional deontology, can also draw on testimonies collected at a distance from the places where the events take place. The photographer, on the other hand, is not given this privilege. The photographer is compelled by the very nature of his work to go on the ground and, perhaps, the involvement of the viewer when confronted with the images also stems from this.
Photography captures the moment and crystallises it, offering it to the gaze and giving it the time of observation and attention wrested from indifference. It is an almost magical power made up of an immediacy resulting from synthesis, a power that has continued to be exercised for almost two hundred years, despite the fact that progress has given us far more sophisticated means of communication.
However, the years lived in the nightmare of the pandemic have halted a world now accustomed to the ease of intercontinental travel. This has created an insurmountable obstacle to documenting the effects of climate change and the work being done to reduce its devastating effects where they are most evident. This was also the case with Myanmar, a country so vulnerable to climate change that it is ranked second, in the Global Climate Risk Index, fourth in terms of exposure to natural hazards, and twelfth in the Index of Risk Management (INFORM). This limitation on movement, made necessary by the overlapping of other issues, made it impossible to carry out field documentation of the projects carried out by CESVI in Myanmar, where, although the operators already on the ground continue to work to improve living conditions and agro-food production in the Dry Zone, it was not possible to send a photographer to prove their action. Given the importance of the work carried out, however, it was decided to rely on the evocative power of photography to shine a light on CESVI’s work in Myanmar. These images were in fact taken in the Dry Zone, where CESVI still operates, during previous missions, but they allow us to understand the importance of the work done by CESVI to ensure the best use of resources despite conditions made less and less favourable by climate change.

Sandro Iovine
Agricoltori in moto verso il lavoro.
Farmers riding motorcycles on their way to work.

© Gianfranco Ferraro
1 / 18 enlarge slideshow
Agricoltori in moto verso il lavoro.
Farmers riding motorcycles on their way to work.

© Gianfranco Ferraro
Mucca alla ricerca di cibo in un terreno reso ostile dal cambiamento climatico.
Cow searching for food in a land made hostile by climate change.
 
© Gianfranco Ferraro
2 / 18 enlarge slideshow
Mucca alla ricerca di cibo in un terreno reso ostile dal cambiamento climatico.
Cow searching for food in a land made hostile by climate change.

© Gianfranco Ferraro
Madre e figlia rientrano a casa nel proprio villaggio.
Mother and daughter returning home to their village.
 
© Gianfranco Ferraro
3 / 18 enlarge slideshow
Madre e figlia rientrano a casa nel proprio villaggio.
Mother and daughter returning home to their village.

© Gianfranco Ferraro
Durante la pausa dal lavoro, un padre agricoltore si prende cura della sua bambina.
During a work break, a farmer father takes care of his daughter.
 
© Gianfranco Ferraro
4 / 18 enlarge slideshow
Durante la pausa dal lavoro, un padre agricoltore si prende cura della sua bambina.
During a work break, a farmer father takes care of his daughter.

© Gianfranco Ferraro
Una famiglia si riposa dopo una giornata di lavoro.
A family resting after a day of work.

© Gianfranco Ferraro
5 / 18 enlarge slideshow
Una famiglia si riposa dopo una giornata di lavoro.
A family resting after a day of work.

© Gianfranco Ferraro
Routine familiare: pulizia degli ortaggi per il pasto casalingo.
Family routine: cleaning vegetables for a home-cooked meal.

© Gianfranco Ferraro
6 / 18 enlarge slideshow
Routine familiare: pulizia degli ortaggi per il pasto casalingo.
Family routine: cleaning vegetables for a home-cooked meal.

© Gianfranco Ferraro
Immagini del mondo per il sonno del futuro esploratore.
Images of the world for the sleep of the future explorer.

© Gianfranco Ferraro
7 / 18 enlarge slideshow
Immagini del mondo per il sonno del futuro esploratore.
Images of the world for the sleep of the future explorer.

© Gianfranco Ferraro
Una bambina dallo sguardo luminoso e determinato.
A girl with a bright and determined look.

© Gianfranco Ferraro
8 / 18 enlarge slideshow
Una bambina dallo sguardo luminoso e determinato.
A girl with a bright and determined look.

© Gianfranco Ferraro
Un agronomo osserva da vicino i semi di grano per determinare la loro qualità.
An agronomist closely examines wheat seeds to determine their quality.

© Gianfranco Ferraro
9 / 18 enlarge slideshow
Un agronomo osserva da vicino i semi di grano per determinare la loro qualità.
An agronomist closely examines wheat seeds to determine their quality.

© Gianfranco Ferraro
Speranza per il futuro: un bambino si unisce al progetto di semina della terra.
Hope for the future: a child joins the land planting project.

© Gianfranco Ferraro
10 / 18 enlarge slideshow
Speranza per il futuro: un bambino si unisce al progetto di semina della terra.
Hope for the future: a child joins the land planting project.

© Gianfranco Ferraro
Compostaggio rappresentato con mani che curano la terra e i suoi abitanti sotterranei.
Composting, represented with hands that care for the soil and its underground inhabitants.

© Gianfranco Ferraro
11 / 18 enlarge slideshow
Compostaggio rappresentato con mani che curano la terra e i suoi abitanti sotterranei.
Composting, represented with hands that care for the soil and its underground inhabitants.

© Gianfranco Ferraro
La tenacia della terra e dell'uomo: il contadino contro un terreno difficile.
The tenacity of the land and man: the farmer against difficult terrain.

© Gianfranco Ferraro
12 / 18 enlarge slideshow
La tenacia della terra e dell'uomo: il contadino contro un terreno difficile.
The tenacity of the land and man: the farmer against difficult terrain.

© Gianfranco Ferraro
Un agricoltore trasporta pannocchie secche sul carro di legno trainato dal suo bue.
A farmer transports dry cobs on the wooden cart pulled by his ox.

© Gianfranco Ferraro
13 / 18 enlarge slideshow
Un agricoltore trasporta pannocchie secche sul carro di legno trainato dal suo bue.
A farmer transports dry cobs on the wooden cart pulled by his ox.

© Gianfranco Ferraro
I bambini imparano le basi dell'agricoltura attraverso un progetto educativo.
Children learn the basics of agriculture through an educational project.

© Gianfranco Ferraro
14 / 18 enlarge slideshow
I bambini imparano le basi dell'agricoltura attraverso un progetto educativo.
Children learn the basics of agriculture through an educational project.

© Gianfranco Ferraro
Un bambino partecipa alla coltivazione in un progetto di agricoltura, annaffiando il terreno.
A child takes part in the cultivation in an agriculture project, watering the soil

© Gianfranco Ferraro
15 / 18 enlarge slideshow
Un bambino partecipa alla coltivazione in un progetto di agricoltura, annaffiando il terreno.
A child takes part in the cultivation in an agriculture project, watering the soil

© Gianfranco Ferraro
Bambina impegnata nella coltivazione di piante nell'ambito di un progetto educativo del villaggio.
A girl engaged in the cultivation of plants in the framework of a village educational project.

© Gianfranco Ferraro
16 / 18 enlarge slideshow
Bambina impegnata nella coltivazione di piante nell'ambito di un progetto educativo del villaggio.
A girl engaged in the cultivation of plants in the framework of a village educational project.

© Gianfranco Ferraro
Crescita resiliente: spighe di grano verde crescono in una zona arida.
Resilient growth: green wheat ears grow in an arid area.

© Gianfranco Ferraro
17 / 18 enlarge slideshow
Crescita resiliente: spighe di grano verde crescono in una zona arida.
Resilient growth: green wheat ears grow in an arid area.

© Gianfranco Ferraro
Semi raccolti pronti per la trasformazione in alimenti essenziali.
Harvested seeds ready for transformation into essential food.

© Gianfranco Ferraro
18 / 18 enlarge slideshow
Semi raccolti pronti per la trasformazione in alimenti essenziali.
Harvested seeds ready for transformation into essential food.

© Gianfranco Ferraro
ITA - Informativa sui cookies • Questo sito internet utilizza la tecnologia dei cookies. Cliccando su 'Personalizza/Customize' accedi alla personalizzazione e alla informativa completa sul nostro utilizzo dei cookies. Cliccando su 'Rifiuta/Reject' acconsenti al solo utilizzo dei cookies tecnici. Cliccando su 'Accetta/Accept' acconsenti all'utilizzo dei cookies sia tecnici che di profilazione (se presenti).

ENG - Cookies policy • This website uses cookies technology. By clicking on 'Personalizza/Customize' you access the personalization and complete information on our use of cookies. By clicking on 'Rifiuta/Reject' you only consent to the use of technical cookies. By clicking on 'Accetta/Accept' you consent to the use of both technical cookies and profiling (if any).

Accetta
Accept
Rifiuta
Reject
Personalizza
Customize
Link
https://www.semidisperanza.info/-p27509

Share on
/

Chiudi
Close
loading